Vallesaccarda Eco-Gastronomica

Vallesaccarda Eco-Gastronomico

Vinaora Nivo SliderVinaora Nivo SliderVinaora Nivo SliderVinaora Nivo SliderVinaora Nivo SliderVinaora Nivo SliderVinaora Nivo Slider

Il borgo di Vallesaccarda ha seguito fin dalle sue origini le vicende storiche e feudali del vicino comune di Trevico, dal quale dipese amministrativamente fino al 1958, anno in cui ottenne l'autonomia.

 

Scoperte archeologiche segnalano la presenza di edifici già in età romana nelle località Mattine, Civita, Monte Mauro e Taverna delle Noci, ovvero nelle aree prossime alle antiche vie di comunicazione: l'Aurelia-Aeclanensis e la diramazione  che collegava quest'ultima al Regio Tratturo e salendo ancora fin su alla Traiana.

 

La testimonianza del poeta latino Quinto Orazio Flacco nel libro primo delle "Satire", infatti, parla di una sua sosta presso la locanda individuata quale "Taverna delle noci" presso Trevici, allora "tenimento" di Trevico ma oggi facente parte del territorio di Vallesaccarda. Correva la primavera dell'anno 37 a. C., e il poeta era in viaggio verso Brindisi per una missione diplomatica, in compagnia di Mecenate e Virgilio.

 

Il disgregarsi dell'unità politica e militare dell'impero Romano e la sua successiva caduta, si ripercossero anche sulle condizioni di vita e stabilità della Baronia. La pacifica popolazione locale, che per anni aveva vissuto nelle caratteristiche ville rustiche dell'Ufita e della Fiumarella e dei centri principali di Aeclanum e Fioccaglie, fu attaccata dai popoli barbari attraverso quelle stesse valli fluviali che per secoli avevano sfruttato per raggiungere i monti.

 

Intorno al XVI secolo il borgo era chiamato Vade Saccarda. Verso il XIX secolo acquisì il suo attuale nome di Vallesaccarda. Ad ogni modo, il nome di Vallesaccarda vanta antiche origini che si perdono tra storia e leggenda. Ad oggi una teoria plausibile la dà lo studioso Pietro Cuoco. Nella seconda metà del XIV le incursioni di briganti e le violente scosse telluriche, portarono alla nascita di altre convivenze territoriali distaccate da Trevico, tra le quali Vallesaccarda. Detta nel 1515 Vasacarda, l'evoluzione del suo nome passa da Vade Saccarda nel 1586 all'attuale Vallesaccarda a partire dal 1700.

 

Altra ipotesi è quella sostenuta dal Maestro Rocco Toto, che attribuisce il nome di Vallesaccarda alla presenza dei Longobardi durante l'alto medioevo. Il suffisso longobardo "ard", molto diffuso e caratteristico di nomi ed aggettivi, presente nella seconda parte del nome del borgo (Saccarda), fa pensare che il nome di Vallesaccarda trovi qui le sue origini.

 

Storia e Cultura
Storia e Cult...
Storia e Cultura
Storia e Cult...
Storia e Cultura
Storia e Cult...
Storia e Cultura
Storia e Cult...
Storia e Cultura
Storia e Cult...
Storia e Cultura
Storia e Cult...
Storia e Cultura
Storia e Cult...
Storia e Cultura
Storia e Cult...
Storia e Cultura
Storia e Cult...
Storia e Cultura
Storia e Cult...
Storia e Cultura
Storia e Cult...

 

 

Share